>United Emigrates – La Regione Straniera

>

Italiani Residenti all´estero, Unitevi!

Gli italiani all´estero sono ormai quasi 4 milioni. A sentire gli esperti equivalgono al numero di immigrati in italia. A questo numero andrebbero aggiunti tutti quelli che per un motivo o per l´altro non si sono mai registrati all´AIRE. Come al solito le informazioni, basta andare sul web per rendersene conto, non sono mai semplici e facilmente raggiungibili, come spesso i numeri telefonici. Anche per questo, forse, molti italiani, anzi la maggior parte di quelli che ho conosciuto, diciamo in una fascia tra i 20 e i 30, non si sono mai sbattuti più di tanto per essere conformi alla elefantiaca macchina burocratica.

Aggiungiamoci pure che gli stessi organi preposti, non fanno il massimo per facilitare le cose, anzi, quando uno timidamente ci viene a contatto (relata refero, non parlo per esperienza personale) ti fanno un po passare la voglia, con i cavilli, del tipo: vuoi votare le elezioni ci sono tra 3 MESI, no, è troppo tardi, ti dovevi registrare entro, MAVATTELAPIÀNDER, e ti rinfreschi la memoria sul perchè te ne eri andato (uno dei tanti). Ma che 3 mesi non sono abbastanza? No perchè c´è il database dell´AIRE, quello del Comune di ultima residenza (in Italia), e quello del Ministero degli Esteri. E questi non coincidono mai.

Poi ti devi pure sentir dire da quello che ti dice, io posso andare a votare in ambasciata anche se sono in vacanza all´estero in quei giorni (Islanda) quando a te serve il Regio sigillo e l´assenso del borgomastro.

A parte questo come peso di popolazione abbiamo ormai raggiunto le dimensioni di una nazione medio-piccola, come ad esempio l´Irlanda. Quindi propongo di dotarci di strutture autonome di autoregolamentazione. Non parlo di indipendenza, sia ben chiaro, magari di una regione a statuto speciale, snella e funzionante. Idee per nomi?

Io proporrei “La Regione straniera“.
Potrebbe essere un´idea, tutto e sempre nell´ottica del federalismo s´intende. Anche proposte per simboli e bandiere son ben accetti.

Advertisements

2 responses to “>United Emigrates – La Regione Straniera

  1. >Piu che altro si dovrebbe fare uno Stato per gli italiani (bravi) all estero, vale a dire uno Stato senza confini giacche' nel mondo globalizzato e internetizzato si puo fare, ma con un ordinamento giuridico e delle sue leggi (magari poche, per non burocratizzare anche quello). Sarebbe possibile, occorre solo la volonta'

  2. >Piu che altro si dovrebbe fare uno Stato per gli italiani (bravi) all estero, vale a dire uno Stato senza confini giacche' nel mondo globalizzato e internetizzato si puo fare, ma con un ordinamento giuridico e delle sue leggi (magari poche, per non burocratizzare anche quello). Sarebbe possibile, occorre solo la volonta'

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s